lunedì 4 ottobre 2010

Il significato del gioco del bambino

Pubblicato da Piccini Picciò a 09:47
Reazioni: 
Qual è la funzione del gioco del bambino?
Porsi questa domanda, conduce inevitabilmente a pensare che i bambini giocano perché traggono piacere, gioia e divertimento dai loro giochi, che possono realizzare sia da soli che in compagnia di mamma e papà o dei coetanei.
Tuttavia, all’interno di una comprensione più articolata del significato del gioco del bambino, è possibile affermare che il gioco ha una funzione fondamentale nella sua vita, perché è anche attraverso di esso che egli sviluppa la sua personalità ed arricchisce la sua esistenza, colorandola di fantasia e di giochi da inventare, esprimendo insieme la sua creatività e la sua capacità di cogliere gli stimoli provenienti dal mondo esterno.
In tutto ciò, solitamente i genitori svolgono un ruolo significativo nel rapporto con il proprio figlio, riconoscendo l’importanza della libertà d’espressione delle sue attività di gioco ed insegnandogli al tempo stesso i giochi più tradizionali, che entrambi a loro volta hanno acquisito nella loro infanzia dai loro stessi genitori.
Insieme a ciò, attraverso il gioco il bambino impara anche ad esprimere la sua aggressività, insita nel suo modo di essere, senza doverla negare a se stesso, sperimentando che, a seguito di tale espressione, nulla è andato perso, nulla è stato distrutto e soprattutto a nessuno è stato fatto del male………..
Anche qui, nuovamente, l’importanza del ruolo genitoriale risiede nelle possibilità di permettere al proprio figlio un’adeguata espressione della sua aggressività, senza la necessità di attivare eccessivi rimproveri nei suoi confronti.
Il gioco può assumere anche la funzione di tenere sotto controllo l’ansia e l’angoscia legate ad un forte disagio del bambino, laddove un eccesso di tale ansia può essere espresso dal bambino stesso proprio attraverso la continua realizzazione di giochi ripetitivi. 
Ed è sempre attraverso il gioco che il bambino, dopo aver imparato a giocare da solo o con la propria madre ed il proprio padre, impara a condividere le sue attività di gioco con i compagni, a rispettare ruoli e regole bene definite e a sviluppare maggiori relazioni affettive e sociali con il mondo esterno alla sua famiglia.
Tuttavia, lo sviluppo del gioco del bambino è strettamente correlato all’evoluzione del rapporto madre-bambino, all’interno della quale è di fondamentale importanza che egli possa “separarsi” dalla sua figura di attaccamento, per poi sperimentarsi in attività e giochi specifici anche al di fuori del suo rapporto con lei.

Dott.ssa Vittoria Luciani
Psicologa


(paginebimbo)

0 commenti:

Le fiabe dicono più che la verità.
E non solo perché raccontano che i draghi esistono,
ma perché affermano che si possono sconfiggere.

(G. K. Chesterton)
 

Piccini Picciò Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea