venerdì 12 novembre 2010

Consigli per la lettura ai bambini da 0 a 3 anni

Pubblicato da Piccini Picciò a 18:33
Reazioni: 

Ecco delle semplici cose che devi sapere sul rapporto che hanno i bambini molto piccoli con i libri, per una scelta più consapevole e appropriata.
6 mesi. Il bambino inizia ad afferrare e tenere tra le mani un libro di piccolo formato. Generalmente lo porta, come tutti gli oggetti con cui entra in contatto, subito alla bocca. Ora gli interessa sapere se è buono, qual è il suo odore, gli piace toccarlo per scoprirne la propria consistenza, vuole scoprire se fa rumore. Non vede ancora bene ma può essere attratto dai colori vivaci e con forti contrasti. E' importante dargli in mano libricini con pagine cartonate, angoli arrotondati. Tu puoi senz'altro leggergli o cantargli delle piccole filastrocche, delle brevi tiritere, delle ninnenanne. Il ritmo e la musicalità delle parole, unita alla tua voce lo calmeranno, lo rassicureranno, lo predisporranno ad un sonno tranquillo.
9 mesi. Il bambino è in grado di prestare una piccola attenzione alle pagine del libro anche se ancora non sa riconoscere gli oggetti che vi sono rappresentati, ma può comunque già sviluppare le sue preferenze e ti osserva quando lo usi. Oltre ai giochi circondalo di libri che può raggiungere facilmente per poterli toccare, esplorare, per poter giocare anche con loro. Oltre a libri di rime e filastrocche, puoi usare libri cosiddetti "tattili" che hanno nelle pagine inserti di materiali morbidi, diversi, tutti da toccare e accarezzare. Infatti più che con la vista, ancora non completamente perfezionata, il bambino apprende, entra in contatto, esplora il suo piccolo mondo attraverso il senso del tatto. Utilizza quindi piccoli libri realizzati con materiali robusti e piacevoli al tatto, toccateli insieme e commenta con lui la sensazione che prova.
12 mesi. E' all'incirca attorno all'anno di età che il bambino compie una grande e importante conquista: riesce a riconoscere le immagini che sono raffigurate sulle pagine del libro, e quando ciò avviene, lui si mostra molto contento e lo manifesta con entusiasmo lanciando gridolini. Usa la manina aperta per indicare ciò che suscita il suo interesse. Proponigli libri con poche parole ma con immagini  a tutta pagina, semplici e ben definite che raffigurano bambini come lui, piccoli animali o oggetti di uso quotidiano.
12-18 mesi. Ora il bambino è in grado di indicare con un solo dito le immagini del libro che impara a portare con sé come fa con gli altri giocattoli, oppure te lo porge affinché tu possa leggerglielo. Ora prova a girare da solo le pagine, riesce a tenere il libro in mano anche se non sempre lo posiziona in modo corretto. Trova un angolo confortevole, prendi in braccio il tuo bambino mentre leggi, indica con il dito le figure. Scegli libri che contengono immagini di oggetti, animali o situazioni a lui familiari: il momento della pappa, della nanna, o libri con protagonisti cani, gatti; imita i loro versi da ripetere insieme. Stupiscilo ad esempio con dei libri sonori che imitano il verso dei suoi animali preferiti. Scegli sempre libri con poche parole e semplici immagini ben definite, ben delineate e dai colori vivaci, con pagine cartonate, così lui potrà girarle con più facilità. Continua a proporgli libri di rime, filastrocche, storie buffe e divertenti. Abitualo all'ascolto. Il libro ora è per lui un oggetto familiare che apprezza alla stregua di un giocattolo.
18-24 mesi. Ora il bambino padroneggia piuttosto bene il libro: riesce a girare le pagine una ad una, sa memorizzare e ripetere semplici rime o brevi sequenze ascoltate tantissime volte, fa finta di saper leggere anche lui. Divertilo e stuzzica la sua curiosità con libri con i buchi dove infilare le dita, libri con finestrelle da sollevare per scoprire cosa è nascosto sotto. Scegli libri che contengono brevi storie in rima o giochi di parole per aumentare in lui il fascino della lettura ad alta voce e per allenarlo all'ascolto. Ma ricordati che i tempi di ascolto anche se variano da bambino a bambino, sono comunque a quest'età molto brevi: 3 o 4 minuti sono per lui un grande impegno!
24-36 mesi. Ora il bambino conosce bene come è fatto un libro e a che cosa serve, sa che contiene storie dei suoi personaggi preferiti, sa che si legge da sinistra a destra e dall'alto al basso. Non sa ancora leggere ma conosce a memoria le storie che a lui piacciono e pretende che gli vengano lette un numero infinito di volte. Ha sviluppato i suoi gusti, le sue preferenze e sa scegliersi da solo il libro che vuole gli venga letto. E' in grado anche di raccontare le brevi storie che gli sono state lette, anzi, aiutalo, spronalo a farlo, a verbalizzare ciò che ha ascoltato. Scegli libri con testi facili e divertenti o che trattano situazioni a lui familiari. Scegli pure libri che parlano di problematiche che lo riguardano: il ciuccio che non vuole abbandonare, la paura del buio, l'ansia di togliere il pannolino, il timore di affrontare la scuola materna... Perché ciò che avviene dentro ad un libro è per lui la realtà vera, e scoprire che anche quel personaggio prova le sue stesse paure, le sue stesse emozioni, lo aiuta ed incoraggia.
Pratica la lettura a voce alta costantemente, tutti i giorni in modo rituale e soprattutto non dimenticare di farlo in modo giocoso perché leggere è anche ridere e giocare.

(natiperleggere)

0 commenti:

Le fiabe dicono più che la verità.
E non solo perché raccontano che i draghi esistono,
ma perché affermano che si possono sconfiggere.

(G. K. Chesterton)
 

Piccini Picciò Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea