venerdì 27 maggio 2011

10 cose che posso fare per aiutare il mio pianeta

Pubblicato da Piccini Picciò a 12:42
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
10 cose che posso fare per aiutare il mio pianeta Attraverso l’acquisizione delle “buone pratiche” ci si educa a unostile di vita sostenibile, cominciando sin da piccoli, con affetto, dolcezza e divertimento.
Da questo presupposto Melanie Walsh, autrice e illustratrice inglese di successo, è partita per sensibilizzare i bambini alle tematiche ambientali.
Nasce così questo libro, tenero vademecum che illustra, in 10 punti, piccoli gesti quotidiani da fare assieme a mamma e papà: attraverso il gioco e l’attività in comune nasce la consapevolezza e la responsabilità delle proprie azioni.
[...]

Autore: Melanie Walsh
Editore: Editoriale Scienza
Età di lettura: da 3 anni.

lunedì 23 maggio 2011

Trenino per piante - riciclo

Pubblicato da Piccini Picciò a 12:10
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Oggi un piccolo suggerimento per realizzare un trenino di piantine!
una serie di vagoncini dove poter mettere qualche piccola piantina per rallegrare una finestra :-)
Occorrente:
Senza dubbio ci vuole l'aiuto di un genitore!
scatole di plastica
tappi di plastica
colla a caldo
colla vinilica
colori o fogli di carta colorati
cordoncino

Procedimento:
Colorar,e o rivestire con della carta colorata, varie scatole di plastica -si possono riutilizzare benissimo quelle trasparenti di ben noti cioccolatini ;-)
Per le ruote dei vagoncini incollare con colla a caldo i tappi di bottiglia, scelti dai vostri bimbi.
Da ultimo unire i vagoncini con dei pezzetti di cordoncino o nastro.
Ecco pronto il vostro trenino!
Se volete utilizzarlo come portafiori vi consiglio le scatole di plastica; in alternativa potete benissimo utilizzare delle scatole di cartone e far colorare i vagoni dai bambini con colori ad acqua. Sarà comunque un simpatico gioco per i vostri piccoli :-)



mercoledì 18 maggio 2011

quadretti di foglie e fiori

Pubblicato da Piccini Picciò a 17:28
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Ogni stagione offre una miriade di colori materiali profumi. La primavera ci permette di stare piacevolmente all'aperto con i bimbi, di esplorare ...e sperimentare!:-)
anche se non si ha la fortuna di avere un giardino, si può approfittare di qualche pianta del balcone o di casa...se la mamma lo permette ;-)

oggi noi abbiamo cominciato un quadretto con l'idea di creare un acquario con dei pesciolini, usando foglie e petali. ma contiamo di arricchire il tutto con semi, sassolini, rametti,...e volendo anche qualche colore ad acqua...
ci si può davvero sbizzarrire!

dunque
Occorrente:
foglie
petali
sassi
semi
colori ad acqua
foglio di carta bianco o colorato
colla
e...fantasia in libertà!


martedì 17 maggio 2011

Leggere (o sentir leggere) fa benissimo ai bambini

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:17
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Articolo del Corriere
http://www.corriere.it/salute/11_maggio_17/leggere-libri-bimbi-buona-salute_1cf03678-6511-11e0-99a5-e45596b05597.shtml


Nei piccoli, ascoltare libri letti a voce alta, stimola i neuroni e aiuta a moderare comportamenti anti-sociali


MILANO - Leggere fiabe e filastrocche a un bambino, meglio se è ancora molto piccolo, fa bene a lui e ai genitori. Lo dimostrano studi scientifici e numerose esperienze in Italia e all’estero. Come«Nati per leggere», il progetto nazionale senza fini di lucro con il quale, da più di dodici anni, pediatri e bibliotecari lavorano insieme per promuovere nei genitori la buona abitudine di leggere ai propri figli di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. Non per farli addormentare, ma per svegliarne la mente. «Una lettura ad alta voce, - afferma il dottor Michele Gangemi, past president dell’Associazione Culturale Pediatri e pediatra di libera scelta in Verona, - è in grado di “rapire” un bambino almeno quanto un videogame». 
A VOCE ALTA Ma che cosa spinge i pediatri di libera scelta a mobilitarsi in forze, per un obiettivo che sembra più nelle corde di un educatore o di uno psicologo?«Perché leggere a un bambino ha effetti molto positivi sulla sua salute, sul suo sviluppo cognitivo ed emotivo. E quello di vegliare su tale sviluppo è precisamente uno dei compiti dei pediatri». In due parole, secondo studiosi di tutto il mondo, la lettura ad alta voce è una delle strategie di dimostrata efficacia per prevenire i problemi dello sviluppo e dell’apprendimento nel bambino. Non importa se il bambino abbia appena iniziato a stare seduto senza sostegno, se non abbia ancora detto “mamma”. Anzi, prima si comincia, meglio è.
[...]
LITERACY Ma c’è di più. «La capacità di leggere, scrivere e comprendere un testo (la “literacy”) fa bene alla salute ed è un indicatore di benessere riconosciuto, - conclude Gangemi. - Buoni livelli di literacy sono legati a un migliore utilizzo dei servizi sanitari e quindi a migliori condizioni di salute. Adolescenti con bassi livelli diliteracy sono a rischio almeno doppio di andare incontro a comportamenti aggressivi e antisociali.
[...]

Maggio

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:06
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post



















Filastrocca del bel maggio
col vestito della festa,
che hai cucito lesta lesta
quando il sol ti dava un raggio.


Filastrocca dei colori:
bianco, rosso, azzurro e giallo,
mentre il grano, come un gallo,
la sua cresta mette fuori.




lunedì 16 maggio 2011

La talpa Tobia

Pubblicato da Piccini Picciò a 12:43
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
      I puzzle delle forme. La talpa Tobia
I puzzle delle forme Come sono belli i palloncini! Isotta ne ha uno a forma di CERCHIO.
6 puzzle per imparare LE FORME in modo divertente, da riunire poi in un'unica grande scena.
I puzzle dei colori Com'è divertente giocare in giardino! C'è una casetta BLU.
6 puzzle per imparare I COLORI in modo divertente, da riunire poi in un'unica grande scena.
I puzzle dei contrari Com'è divertente giocare nella mia cameretta! Ho due orsetti: uno è GRANDE, l'altro è PICCOLO.
6 puzzle per imparare I CONTARI in modo divertente, da riunire poi in un'unica grande scena.
I puzzle dei numeri Com'è divertente andare in gita! Vedo una casetta, 2 galline e 3 coniglietti.
6 puzzle per imparare I NUMERI in modo divertente, da riunire poi in un'unica grande scena.

Un coloratissimo libro-gioco con 6 pagine di puzzle da riunire poi in un unico grande puzzle finale, per insegnare ai vostri bambini, con l'aiuto della simpatica talpa Tobia, a riconoscere le forme e i colori, a capire il concetto dei contrari e a fare i primi conti. Lasciate che i piccoli esprimano le loro capacità e si divertano a mescolare le 54 tessere e poi a ricomporre e scoprire una meravigliosa scena variopinta.

Edizioni: Gribaudo
Autori: Laura Rapelli, Alessandro Battan
Età di lettura: dai 3 anni

Lo spot contro l'uso degli psicofarmaci

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:19
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Articolo della Repubblica:

L'iniziativa del movimento Pensare oltre: "La sindrome del deficit dell'attenzione non si cura con le medicine". "Se un bimbo è vivace, non vuol dire che sia anche malato". A sostenere questa rete ci sono oltre 70 associazioni, federazioni, accademie e aziende, e più di 60 personaggi del mondo della cultura, dello sport e della politica

di VALERIA PINI
http://www.repubblica.it/solidarieta/volontariato/2011/05/15/news/se_la_bimba_urla_forse_sar_un_soprano-16279928/?ref=HREC2-2



Se il bimbo svuota i cuscini del divano del salotto buono di casa da tutte le piume, forse da grande diventerà un grande ricercatore. Se la piccola di sei anni strilla fino a far tremare i muri di casa, potrebbe avre un futuro da soprano. E' provocatoria la campagna dell'associazione Pensare oltre  per combattere l'uso degli psicofarmaci nella cura dei bambini affetti dalla sindrome da deficit di attenzione e iperattività (Adhd). Un'iniziativa che è stata lanciata in questi giorni al Salone del Libro di Torino con uno spot e una serie di manifesti. A sostenere il movimento ci sono oltre 70 associazioni, federazioni, accademie e aziende, e più di 60 personaggi del mondo della cultura, dello sport e della politica: Mariangela Melato, Alex Zanardi, Ennio Morricone, Mogol, Bruno Bozzetto, Lina Wertmuller, l'étoile della Scala di Milano Elisabetta Armiato, il creatore delle Winx Iginio Straffi. Sono adulti di successo che ammettono tranquillamente di essere stati "bambini terribili".
[...]
A volte un disagio passeggero. A volte i bambini fanno fatica a stare fermi, hanno reazioni aggressive e dormono poco.  Ma come fare a capire se si tratta di un periodo passeggero, causato da uno stile di vita poco regolare, o se ci si trova di fronte a una patologia? Non sempre l'eccessiva vivacità o la disattenzione è una malattia da curare. Il movimento Pensare oltre si contrappone a coloro che vedono nei ragazzini di oggi una maggiore criticità rispetto a quelli di ieri. "Non accettare un bambino perché è eccessivamente vivace è come rifiutare un fiore perché troppo colorato", dice Bruno Bozzetto, uno dei protagonisti della campagna di Pensare oltre. "I bambini sono il futuro, ma sono anche la parte più fragile della società e dobbiamo proteggerli. La loro unica forza è costituita dalla fantasia, dall'entusiasmo, dalla vitalità che non devono essere soffocate mai", spiega a sua volta la regista Lina Wertmuller.
Cosa fare. Secondo Pensare oltre è necessario aiutare i più piccoli a crescere in modo sano e spontaneo, favorendone il contatto con la natura e avviandoli alla pratica di attività sportive, all'espressione della creatività artistica, alla formazione e alla cultura attraverso una migliore didattica. Solo così i ragazzi possono allontanarsi da situazioni stressanti e da comportamenti a rischio. 
[...]

mercoledì 11 maggio 2011

Timballo di pasta con asparagi e piselli

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:52
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Oggi provo questa ricetta che ho trovato su www.buttalapasta.it

Ingredienti:

  • 400 gr di pasta corta tipo conchiglie
  • 100 gr di piselli 
  • 100 gr di asparagi
  • 1 cipolla
  • latte q.b.
  • 40 gr di farina bianca
  • olio d’oliva q.b.
  • burro q.b.
  • parmigiano grattugiato q.b.
  • noce moscata q.b.
  • sale q.b.



Preparazione:


Innanzitutto mettete a bollire sul fuoco una pentola con l’acqua e il sale per cuocere la pasta e poi passate alla preparazione delle verdure.  
 
Mondate gli asparagi e lessateli in acqua per 15 minuti; quindi bollite anche i piselli. 

Cuocete la pasta, scolatela e condite con un filo d’olio.  
 
A questo punto tritate finemente la cipolla e fatela imbiondire con il filo di olio e una noce di burro in una padella; quindi aggiungete i piselli e gli asparagi e lasciate insaporire per qualche minuto mescolando delicatamente.  
 
Preparate la besciamella con farina, burro, latte e un pizzico di noce moscata.

Riunite la pasta, le verdure e la besciamella in una terrina, aggiungete una generosa manciata di parmigiano grattugiato e amalgamate; versate il tutto in uno stampo imburrato.  
 
Cospargete con il burro a fiocchetti e dell’altro parmigiano, infornate a calore moderato per mezz’ora fino a creare in superficie una piacevole crosta; lasciate raffreddare e conservate il timballo nel frigorifero, protetto da un foglio di pellicola trasparente.  
 
Prima di servire il vostro piatto freddo riportate a temperatura ambiente.  

martedì 10 maggio 2011

Il piccolo fiore

Pubblicato da Piccini Picciò a 11:34
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
In un luogo buio e lontano, un giorno nacque un piccolo fiore rosa.
Non nacque in un prato, in quel posto non esistevano prati. Nacque su una roccia grigia e fredda.
Era il più bello che fosse nato sulla terra. I suoi colori incantavano chi li guardava, purtroppo però in quel luogo non c’era nessuno che potesse guardarlo.
Lì abitavano solo ombre nere, il cielo era coperto di continuo da nuvole e aveva perso il suo azzurro. Le ombre parlavano tra di loro e si chiedevano cosa mai potesse fare un fiore colorato nella loro terra desolata.
Il fiorellino si sentiva solo, avrebbe voluto essere nero per essere come le ombre, per avere degli amici.
Le nuvole in cielo lo osservavano ogni giorno e provavano pena per lui. Le loro lacrime cadevano di continuo su quel regno e infatti lì non smetteva mai di piovere. 
Un giorno una nuvola decise che avrebbe fatto qualcosa per lui. Partì per un lungo viaggio, in cerca di aiuto:
“Ho visto un piccolo fiore rosa nella terra del buio” diceva a tutti “è bellissimo, quando lo guardi il tuo cuore si colora, i tuoi pensieri diventano musica e i tuoi sogni ti prendono per mano per accompagnarti nel regno dove tutto si avvera. Però morirà se nessuno lo aiuta!”
Nessuno ascoltava veramente la nuvoletta:
“E’ pazza!” dicevano “non può nascere un fiore nel regno del buio, e’ impossibile!” 
Ma la nuvola non si diede per vinta e continuò per giorni e giorni a raccontare quella storia e alla fine la notizia arrivò nel luogo dove viveva il sole, la luna e le stelle. La piccola nuvola fu convocata dal sole che voleva spiegazioni sul perché stesse divulgando queste notizie e si trovò al cospetto della stella più luminosa:
“Sua maestà” disse la nuvoletta “lei mi deve credere, un piccolo fiore rosa è sbocciato nel mio regno ma è sempre più solo, sempre più triste, morirà!”
“ Voglio darti retta, verrò con te e controllerò se ciò che dici è vero!”.
Venne chiamato il vento e con il suo aiuto il sole partì per la volta del cielo, verso quel regno oscuro. Le altre nuvole si aprirono al suo arrivo e un raggio di sole illuminò per la prima volta quella terra solitaria.
Tra le rocce grigie una macchia rosa brillava e i suoi colori emanavano calore, i suoi petali brillavano colpiti dalla luce solare. Era la prima volta che quel fiorellino conosceva la luce e il sole non aveva mai visto niente di più bello.
Si innamorarono di un amore eterno e così forte che anche la luna e le stelle, da chilometri di distanza, lo avvertirono e si recarono in quel luogo.
Da quel giorno la più bella creatura nata sulla terra non fu più sola. Tanti fiori nacquero intorno a lei e oscillarono con lei nel vento, furono accarezzati dal sole ogni giorno e la notte, ogni notte in cui il buio scese a fare da culla alla natura, le stelle e la luna crearono per lei i sogni più belli e incantati.




(www.pinu.it)


lunedì 9 maggio 2011

Il latte cambia colore!:-)

Pubblicato da Piccini Picciò a 19:53
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Un gioco per stupire i vostri bimbi!

Occorrente:
un piatto
un po' di latte
colori alimentari
cotton fioc
detersivo per piatti


Procedimento:
Versate un po' di latte in un piatto liscio. Abbastanza per coprirne la superficie. Fate cadere alcune gocce di colore al centro del piatto o lungo il bordo. Bagnate una delle estremità del cotton fioc nel detersivo per piatti. Quindi lo immergete al centro del piatto ed ecco la "magia"!!!:-)


domenica 8 maggio 2011

La Mamma!

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:19
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post

venerdì 6 maggio 2011

Festa della mamma: alberello di nastri -riciclo

Pubblicato da Piccini Picciò a 12:02
Reazioni: 
1 commenti Link a questo post
Questa mattina cercavo tutt'altro...arte topiaria (ossia: potare alberi e arbusti al fine di dare loro una forma geometrica, diversa da quella naturalmente assunta dalla pianta, per scopi ornamentali)!!!
e sono finita in un blog molto interessante dove ho trovato un bel lavoretto da proporre ai bimbi:
creare un alberello con nastri e pezzi di stoffa :-)
IMG_0670
questo è il progetto di http://thegatheringplacedesign.blogspot.com/2010/04/mother-daughter-craft-simple-fabric.html
nel suo post è descritto come procedere. E' molto semplice.


Occorrente:
nastri e pezzi di stoffa di vari colori
una sfera di polistirolo
colla
forbici con punte arrotondare
un ramo per fare il fusto dell'alberello
un vaso
muschio


Procedimento:
Come descritto da Krista, si preparano e si tagliano i nastri e i pezzi di stoffa in strisce di 10 cm circa. Il bimbo le preme sulla sfera per fissarle (volendo si possono incollare), finché non la si ricopre completamente.
IMG_0273
Quindi si rifila con le forbici per rendere il tutto uniforme.
IMG_0272
Si fissa il bastoncino come fusto dell'alberello, da un lato sulla sfera e dall'altro sul vasetto, che si può ricoprire con del muschio.

giovedì 5 maggio 2011

La casa dei gatti

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:46
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post



Scopri il segreto della casetta e gioca insieme ai suoi abitanti: in cucina il micio Gianni prepara una torta; Pedro dorme sulla sedia a dondolo in salotto; Tina e Tito giocano nella loro stanza... Ma Gigi dove si sarà nascosto?



La casa dei gatti

Nicoletta Costa disegni: della stessa autrice
Gallucci Editore

Dipingere col sale

Pubblicato da Piccini Picciò a 11:49
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Questo post è scritto pensando alla mia nipotina, che adora colorare ma anche "pasticciare" con la colla:-)
Dipingere col sale è una tecnica semplice e molto divertente!

Occorrente:
colori ad acqua
pennelli
fogli di carta spessa
colla
sale fino da cucina

Procedimento:
Il bimbo può far colare sul foglio la colla creando un disegno a suo piacimento.
Con l'aiuto di un adulto fa cadere il sale fino ripercorrendo il disegno.
 
Quindi si passa ai colori ad acqua. Si intinge il pennello e si colora il sale.
  
Naturalmente la tecnica in quest'ultimo passaggio è molto variabile! dipende dall'età del bambino!
Si deve lasciare asciugare completamente la colla. 
il risultato è garantito :-)

mercoledì 4 maggio 2011

Festa della mamma: Segnalibri originali!

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:28
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Beh...per questo lavoretto ci vuole senza dubbio un adulto! in effetti riconosco che non è proprio adatto a bambini così piccoli, ma lo trovo favoloso! un bel regalo per un genitore appassionato di libri, ma anche per un fratellino o sorellina più grande!
certo si può semplificare. sta a voi mamme e papà metterci pazienza e buona volontà!;-)


dunque questo è il tutorial che ho trovato:
http://nheilke.com/blog/?p=2628


è molto chiaro in ogni passaggio. 
     
      

Buon lavoro e buona lettura!;-)

martedì 3 maggio 2011

Festa della mamma: Trentuno usi per una mamma

Pubblicato da Piccini Picciò a 16:58
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Un'altalena non si muove da sola: chi la potrebbe spingere? Se non sai come si chiama un animale, quale sarà la tua "enciclopedia"? E l'animatrice del tuo compleanno? E chi è il "medico" sempre pronto a curare una sbucciatura? La mamma, sempre lei. Un libro che illustra tutte quelle cose per cui una mamma può sempre tornare utile.

Autore: Ziefert Harriet
Illustrazioni: Doudhty Rebecca
Editore: Salani (collana Illustrati)


Festa della mamma: biscotti di pasta frolla con glassa colorata

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:38
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Da www.chicucina.it ecco i biscotti di pasta frolla glassati per la festa della mamma:


Ingredienti:


  • Farina, 300

  • Burro, 100g a temperatura ambiente

  • Lievito, mezza bustina

  • Limone (scorza grattugiata), mezzo

  • Uova, 2

  • Zucchero, 100g

  • Coloranti alimentari di vari colori

  • Zucchero a velo


  • Preparazione:
    1. Sistemate la farina a fontana sulla spianatoia, mettete nel centro il burro a pezzetti, la scorza di limone, lo zucchero, il lievito e le uova e impastate energicamente fino ad ottenere una frolla omogenea. Lasciatela riposare per qualche minuto in frigorifero avvolta in un foglio di pellicola.
    2. Stendete la pasta frolla e ritagliatela seconda la vostra fantasia: potete creare dei biscotti con le lettere della vostra mamma, una scritta "Love Auguri", cuori, fiori e animaletti vari. Insomma quello che più preferite.
    3. Sistemate i biscotti su una placca da forno foderata con l'apposita carta e cuoceteli a 180° per circa 10 minuti.
    4. Intanto preparate la glassa: versate lo zucchero a velo in più ciotoline in base alla quantità di colori che avrete scelto e diluitelo con qualche cucchiaino di acqua bollente (attenzione: la consistenza della glassa dovrà essere quasi cremosa e non liquida!!!), poi colorate le glasse aggiungendo poco alla volta il colorante alimentare (molto spesso il procedimento cambia in base al colorante quindi attendetevi alle istruzioni riportate sulla confezione).

    Festa della mamma: cornice con bolle e puzzle riciclato

    Pubblicato da Piccini Picciò a 13:18
    Reazioni: 
    0 commenti Link a questo post
    Ecco il template per realizzare una bella cornice per la foto del vostro bimbo o bimbi che fanno il bagnetto! 


    un modo perché i piccoli si divertano, creando in collaborazione col papà una bella sorpresa per la loro mamma:-)


    http://www.freekidscrafts.com/recycled_puzzle_bubble_frame-e50.html

    Recycled Puzzle Bubble Frame Craft
    (freekidscrafts.com)

    lunedì 2 maggio 2011

    Cucina con scatole di cartone - riciclo

    Pubblicato da Piccini Picciò a 11:21
    Reazioni: 
    0 commenti Link a questo post
    Questa cucina mi piace proprio tantissssimo!!!!!



    E' stupenda!?!




    Ecco il tutorial:
    http://www.kinderpendent.blogspot.com/2011/03/cardboard-kitchen-tutorial.html
    Le fiabe dicono più che la verità.
    E non solo perché raccontano che i draghi esistono,
    ma perché affermano che si possono sconfiggere.

    (G. K. Chesterton)
     

    Piccini Picciò Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea