lunedì 16 maggio 2011

Lo spot contro l'uso degli psicofarmaci

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:19
Reazioni: 
Articolo della Repubblica:

L'iniziativa del movimento Pensare oltre: "La sindrome del deficit dell'attenzione non si cura con le medicine". "Se un bimbo è vivace, non vuol dire che sia anche malato". A sostenere questa rete ci sono oltre 70 associazioni, federazioni, accademie e aziende, e più di 60 personaggi del mondo della cultura, dello sport e della politica

di VALERIA PINI
http://www.repubblica.it/solidarieta/volontariato/2011/05/15/news/se_la_bimba_urla_forse_sar_un_soprano-16279928/?ref=HREC2-2



Se il bimbo svuota i cuscini del divano del salotto buono di casa da tutte le piume, forse da grande diventerà un grande ricercatore. Se la piccola di sei anni strilla fino a far tremare i muri di casa, potrebbe avre un futuro da soprano. E' provocatoria la campagna dell'associazione Pensare oltre  per combattere l'uso degli psicofarmaci nella cura dei bambini affetti dalla sindrome da deficit di attenzione e iperattività (Adhd). Un'iniziativa che è stata lanciata in questi giorni al Salone del Libro di Torino con uno spot e una serie di manifesti. A sostenere il movimento ci sono oltre 70 associazioni, federazioni, accademie e aziende, e più di 60 personaggi del mondo della cultura, dello sport e della politica: Mariangela Melato, Alex Zanardi, Ennio Morricone, Mogol, Bruno Bozzetto, Lina Wertmuller, l'étoile della Scala di Milano Elisabetta Armiato, il creatore delle Winx Iginio Straffi. Sono adulti di successo che ammettono tranquillamente di essere stati "bambini terribili".
[...]
A volte un disagio passeggero. A volte i bambini fanno fatica a stare fermi, hanno reazioni aggressive e dormono poco.  Ma come fare a capire se si tratta di un periodo passeggero, causato da uno stile di vita poco regolare, o se ci si trova di fronte a una patologia? Non sempre l'eccessiva vivacità o la disattenzione è una malattia da curare. Il movimento Pensare oltre si contrappone a coloro che vedono nei ragazzini di oggi una maggiore criticità rispetto a quelli di ieri. "Non accettare un bambino perché è eccessivamente vivace è come rifiutare un fiore perché troppo colorato", dice Bruno Bozzetto, uno dei protagonisti della campagna di Pensare oltre. "I bambini sono il futuro, ma sono anche la parte più fragile della società e dobbiamo proteggerli. La loro unica forza è costituita dalla fantasia, dall'entusiasmo, dalla vitalità che non devono essere soffocate mai", spiega a sua volta la regista Lina Wertmuller.
Cosa fare. Secondo Pensare oltre è necessario aiutare i più piccoli a crescere in modo sano e spontaneo, favorendone il contatto con la natura e avviandoli alla pratica di attività sportive, all'espressione della creatività artistica, alla formazione e alla cultura attraverso una migliore didattica. Solo così i ragazzi possono allontanarsi da situazioni stressanti e da comportamenti a rischio. 
[...]

0 commenti:

Le fiabe dicono più che la verità.
E non solo perché raccontano che i draghi esistono,
ma perché affermano che si possono sconfiggere.

(G. K. Chesterton)
 

Piccini Picciò Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea