venerdì 30 settembre 2011

Cornice con carta da regalo

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:02
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Ecco, finalmente mi decido a postare questo lavoretto, che bimbi e genitori possono fare insieme per regalarlo ai Nonni per la loro festa il 2 ottobre :-)


Occorrente:
cartone
gesso
pezzi rimasti di carte da regalo
colla vinilica
vernice ad acqua
nastrino di raso
gancetto per quadri
forbici
una vostra foto! :-)


Preparazione:
Mamma o papà prendono le misure e ritagliano un pezzo di cartone delle dimensioni che avrete deciso per creare la cornice.

Se il cartone non è abbastanza rigido, potete stendere una o due mani di gesso, in modo da formare un leggero spessore più uniforme possibile.
Aspettate che si asciughi bene!


Quindi potete procedere ad incollare con la colla vinilica i vari pezzetti di carta da regalo. E' molto divertente e ci si impiastriccia per bene le manine ;-)
Potete anche usare carte diverse con fantasie e colori differenti. 
L'effetto sarà strabiliante!:-)


Sempre con l'aiuto di un genitore potete passare una mano di vernice ad acqua su tutta la superficie della cornice.
Aspettate che si asciughi per bene.
Per perfezionare i contorni potete incollare un nastrino di raso lungo il bordo.
Sul retro posizionerete ed incollerete il gancetto.
Da ultimo incollate con cura la vostra foto!


Ed ecco un regalo speciale per i Nonni!!!:-D



mercoledì 28 settembre 2011

Giardinieri in erba

Pubblicato da Piccini Picciò a 11:10
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Ecco un libro che consiglio vivamente per bambini di varie età, ma anche ai grandi!

Giardinieri in erba

Autore: Bussolati Emanuela
Casa editrice: Editoriale Scienza
Collana: I Quadernini



"Un pratico manuale per saperne di più su semi e piante, con una bustina di semi (di Pisello odoroso) iniziare subito anche sul tavolo di camera tua. Si comincia con le istruzioni per organizzare un angolo di "lavoro" senza sporcar troppo in casa. Per imparare a capire che cosa è un seme, il linguaggio delle piante e i loro trucchi per sopravvivere. Gli elementi fondamentali alla loro vita aria, acqua, terra, sole. Ma c'è ancora un quinto elemento essenziale: cura, osservazione, pazienza, attenzione, sguardo. Non mancano notizie sugli animaletti utili o no che frequentano, amano, divorano foglie, fiori ecc. "
http://www.ibs.it/code/9788873074342/bussolati-emanuela/giardinieri-erba.html


Qualche indicazione in più sull'autrice, la brava Emanuela Bussolati già vincitrice del Premio Andersen 
http://www.editorialescienza.it/libri/autore.do?id=35

lunedì 26 settembre 2011

La nonna

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:21
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post

La nonna di Luisa Nason
La nonna è come un albero d’argento
che la neve ripara e muove il vento.
Dice “NO” con la testa e “SI” col cuore;
sta presso il fuoco e prega tutte l’ore.
Quando la mamma sgrida, lei perdona:
chi sa perché la nonna è così buona!
www.maestramary.altervista.org 

venerdì 23 settembre 2011

Storia del regno di Mangionia

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:40
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Sul lontano, antico paese di Mangionia, a est del ducato di Bevibuono, regnò per primo Mangione il Digeritore, così chiamato perché dopo aver mangiato gli spaghetti sgranocchiava anche il piatto, e lo digeriva a meraviglia.
Gli successe sul trono Mangione Secondo, detto Tre Cucchiai, perché mangiava la minestra in brodo adoperando contemporaneamente tre cucchiai d'argento: due li teneva lui con le sue mani, il terzo glielo reggeva la Regina, e guai se non era pieno.
Dopo di lui, nell'ordine, salirono sul trono di Mangionia, che era collocato a capo di una tavola imbandita giorno e notte:
Mangione Terzo, detto l'Antipasto;
Mangione Quarto, detto Cotoletta alla Parmigiana;
Mangione Quinto, il Famelico;
Mangione Sesto, lo Sbranatacchini;
Mangione Settimo, detto " Ce n'è ancora?", che divorò perfino la corna, e sì che era fatta di ferro battuto;
Mangione Ottavo, detto Crosta di Formaggio, che sulla tavola non trovò più nulla da mangiare e inghiottì la tovaglia;
Mangione Nono, detto Ganascia d'Acciaio, che si mangiò il trono con tutti i cuscini.
Così la dinastia finì.

di Gianni Rodari. Favole al Telefono

giovedì 22 settembre 2011

Foglie d'autunno

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:44
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Quelle matte, matte foglie,
brune, rosse, verdi, gialle,
che disegnano nell' aria
le figure più bizzarre,
per terra sono cadute,
ma senza farsi male.
Se taci, le puoi ascoltare :
sotto la pioggierella
canticchiano una canzone,
imparata dagli uccelli
nella bella stagione. 

mercoledì 21 settembre 2011

palloncini colorati... da manipolare!

Pubblicato da Piccini Picciò a 12:04
Reazioni: 
2 commenti Link a questo post
Ecco un gioco-attività sensoriale per i più piccolini :-)

Occorrente:
palloncini colorati
riso, pastina, semola per cous cous, fagioli o legumi vari, farina...
imbuto


Preparazione:
è un gioco semplicissimo nella realizzazione. occorre solo un po' di pazienza per riempire i vari palloncini con i diversi prodotti. si può usare quello che si ha in casa. l'importante è differenziare!
in questo modo il bambino sentirà consistenze e grandezze diverse. inoltre ogni prodotto dà un suono diverso e il palloncino modifica la sua forma manipolandolo.

Guarda

Pubblicato da Piccini Picciò a 09:30
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Guarda

I bambini cominciano ad imparare una lingua durante i primi 6 mesi di vita. Leggere ad alta voce permette loro di assimilare il suono della voce umana e li aiuta ad acquisirne il linguaggio. Quando prendete in braccio il vostro bambino e gli leggete un libro incoraggiate la sua autostima e il suo senso di fiducia e di affetto, che sono gli elementi primari per il suo futuro successo. 


Casa editrice: Ape Juonior
Collana: Baby Smart
Formato: Illustrato-Libri per giocare
Età: Dai 6 mesi 

martedì 20 settembre 2011

Foglie fantasiose!

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:22
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Arriva l'autunno! si gioca con le foglie delle piante, che si colorano in maniera meravigliosa :-)
Aiutate i vostri bimbi nella ricerca di foglie diverse per forma e colore.
A casa su un foglio le potete incollare e con l'aiuto della fantasia immaginare personaggi, animali, insetti...che disegnerete insieme. Un modo anche per creare storie e favole originali, prendendo spunto da queste piccole cose :-D

               
Idea di:
http://familyfun.go.com/crafts/foliage-friends-671141/

giovedì 15 settembre 2011

Chi salverà il Signor Mondo?

Pubblicato da Piccini Picciò a 10:05
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post

Il Signor Mondo è malato, dorme poco, ha grandi vampate di calore e non fa altro che grattarsi tutto il giorno.
Chi lo guarirà dai suoi malanni?
Inizialmente ci proveranno i grandi uomini, peggiorando però il suo stato di salute.
Solo i piccoli, aiutati dalle grandi donne, si daranno concretamente da fare e detteranno le regole per la sua salvezza.
Ma attenzione, bisogna fare in fretta!
Al signor Mondo, infatti, basta fare uno starnuto per spedirci tutti su Marte.
Il volume nasce dalla creatività dello scrittore e illustratore Sandro Natalini che per questo lavoro ha dato sfogo a una originalissima tecnica di collage con materiali riciclati (bottoni, vecchie passamanerie, cartoncini, ecc.)

Autore: Sandro Natalini
Casa Editrice: GradoZero
Semi-cartonato
Età: 3 anni

lunedì 12 settembre 2011

Gel colorati

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:40
Reazioni: 
4 commenti Link a questo post
Penso che preparerò questo lavoretto per le mie nipotine!
Oggi Benedetta e Cecilia hanno cominciato la scuola materna :-D
ci vuole dunque qualcosa di speciale per festeggiare. e questo mi sembra proprio adatto: divertente e fantasioso!
però attenzione: CI SI SPORCA!!! 
perciò ci vuole una tenuta adatta per i bambini e per l'ambiente di lavoro ;-)

Occorrente:
1/2 tazza di amido di mais
2 e 1/2 tazze di acqua fredda
colori alimentari o ad acqua
(essenze profumate)
vasetti di vetro


Procedimento:
In un tegame versare l'amido di mais e l'acqua. Lavorarlo con una frusta su fuoco moderato.
Quando raggiunge la consistenza di un gel, togliere subito dal fuoco.
Raffreddare un paio di minuti e dividere nei vasetti di vetro. Ad ogni vasetto aggiungere un colore diverso e mescolare con energia (volendo si può aggiungere qualche goccia di essenza profumata).
I gel colorati sono pronti!:-)
buon divertimento!

ispirata da: http://inanutshell.typepad.com/my_weblog/2010/02/scented-gel-paints.html
   

martedì 6 settembre 2011

Come insegnare l'autocontrollo ai nostri figli

Pubblicato da Piccini Picciò a 20:44
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post

Dott. Luigi Mastronardi - Roma
Questo articolo, in formato integrale, è contenuto nel volume:
L'infanzia. Aspetti e problemi psicologici. 
Luigi Di Giuseppe (a cura di)
Scritti di : A. Costantini, P. Boccia, A. Improta, P. M. Fiumani, C. Pernicola, A. Ferrajoli, L. Mastronardi, A. Bonomi, L. Angelini, E. Masini, M. C. Cirrincione, P. Ulissi, G. Casula, P. Pasco, R. Vignati. 
Editore: Edizioni Psiconline












"Insegnare ai propri figli il controllo di sé fa parte dei compiti fondamentali di ogni genitore.
Aiutare i propri figli a raggiungere l’autocontrollo significa renderli capaci di poter “scegliere” come comportarsi nelle varie circostanze anziché divenire preda dei propri impulsi ed emozioni. Un bambino (e un adulto) dotato di auto-controllo è in grado, in una situazione che suscita in lui forti emozioni, di fermarsi e di valutare le conseguenze dei comportamenti che vorrebbe mettere in atto in quel momento; dopodiché deciderà come agire. 

[...]
Ovviamente, il primo modo in cui possiamo insegnare l’autocontrollo ai nostri figli è con l’esempio. Se noi stessi saremo in grado di non dare in escandescenze anche nelle situazioni più difficili, riuscire a fare una pausa, e soffermarci sulle conseguenze di nostri eventuali comportamenti, metà del lavoro è fatto. E’ fondamentale resistere alla tentazione di urlare e di perdere il controllo a nostra volta quando nostro figlio è in preda all’irritazione. Il modo migliore per gestire nell’immediato una crisi di rabbia è ignorarla: spesso molti dei comportamenti che mettiamo in atto per tentare di calmare il bambino (minacce, blandizie, etc.) non fanno altro che fungere da “rinforzo”, aumentando la probabilità che tale comportamento si ripresenti in futuro. Ma è anche necessario aiutare in maniera attiva i nostri figli a controllare il proprio comportamento, tenendo conto della loro età e delle loro capacità emotive e cognitive.
Ecco alcuni suggerimenti su come aiutare i nostri figli a seconda dell’età in cui si trovano. Ovviamente il riferimento all’età è del tutto indicativo. 
[...]
Fino a 2 anni. I bambini molto piccoli sperimentano frequentemente delle frustrazioni dovute alla discrepanza tra ciò che vorrebbero fare e ciò che effettivamente sono in grado di fare. Per questo motivo spesso appariranno irritati e potranno avere delle manifestazioni di rabbia (piangere, urlare, battere la testa, lanciare via qualcosa che hanno nelle mani). Con i più piccoli è opportuno usare la distrazione. E’ esperienza comune che un bambino piccolo smette facilmente di piangere o di mostrare un comportamento irritato se gli si propone qualche stimolo piacevole che attiri la sua attenzione (un suono, un oggetto di suo gradimento, un giochino da fare insieme). Man mano che il bambino si avvicina al compimento del secondo anno di età è opportuno utilizzare dei brevi “time-out”: si invita il bambino a trascorrere pochi minuti in un’area a ciò designata (può essere una sedia della cucina, un angolo della casa, il suo lettino, etc.) finché non si sia calmato. In questo modo gli si insegna che gli scoppi d’ira hanno delle conseguenze e che è meglio trascorrere del tempo da soli quando ci si sente particolarmente frustrati o irritati.
Dai 3 ai 5 anni. In questo periodo si può continuare ad usare il metodo del “time out” , allungando i tempi a seconda dell’età del bambino (senza superare i 5 minuti), per dargli la possibilità di calmarsi. Per molti bambini è meglio interrompere il “time-out” non appena sia passato lo stato di irritazione, anziché rispettare dei tempi definiti: questo può essere un metodo molto efficace per rinforzare il raggiungimento dell’auto-controllo. A quest’età si può anche cominciare a chiedere verbalmente ai bambini di non perdere il controllo di sé in situazioni frustranti o difficili.
[...]
Ricordiamoci che fino a che i bambini non hanno acquisito una completa padronanza del linguaggio manifestano i loro stati d’animo e il loro disagio soprattutto attraverso il comportamento. Infine, se tali segnali persistono, non esitiamo a consultare il suo pediatra o un altro professionista che possa aiutarci.


http://www.psiconline.it/article.php?sid=2626

Un po' di pazienza!

Pubblicato da Piccini Picciò a 18:51
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Questo libro mi piace proprio tanto!:-)





"Una mamma alla prese con due vivacissimi gemelli di tre anni, spiega loro, tramite una serie di situazioni quotidiane, il concetto di pazienza. Nell’arco di un’unica giornata, i tre protagonisti impareranno a rispettarsi reciprocamente, tra piccoli litigi e tanto divertimento. 

Una tematica a fondo pedagogico sempre attuale anche per fratelli non gemelli. 
Il libro si conclude con la squisita ricetta della “torta della pazienza”.
"



http://www.gradozeroedizioni.com/2009/09/un-po-di-pazienza/



Testo di Simona Pagano
Illustrazioni di Carla Manea
Gradozero edizioni
Semi-cartonato
Età: 2/5 anni

venerdì 2 settembre 2011

Barchetta di sughero

Pubblicato da Piccini Picciò a 12:25
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
Naviga naviga naviga...mi sono imbattuta in una simpatica idea estiva!:-)
costruire una barchetta usando materiale di riciclo:


Occorrente:
tappi di sughero
bastoncini del gelato
spugnette colorate da cucina o cartoncino colorato
colla
(anellino di metallo e cordoncino)


Procedimento:
Incollare tra loro tre o quattro tappi di sughero nel senso della lunghezza. Tra di loro inserire ed incollare un bastoncino da gelato, che fungerà da albero maestro. Ritagliare una vela triangolare di spugna o di cartoncino colorati ed incollarla all'albero maestro.
(Volendo il papà o la mamma possono inserire sullo scafo un anellino di metallo per poter legare poi la barchetta ad un cordoncino.)
Buon viaggio!:-)

Idea presa da: http://paintcutpaste.com/tag/summer/


giovedì 1 settembre 2011

La cucina ETICA per mamma e bambino

Pubblicato da Piccini Picciò a 09:16
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
La cucina etica per mamma e bambino. Gravidanza, allattamento e svezzamento vegan. Oltre 350 ricette


La cucina etica per mamma e bambino. Gravidanza, allattamento e svezzamento vegan. Oltre 350 ricette"Ogni mamma si impegna per dare al proprio il proprio figlio un'alimentazione sana e corretta fin dai primi mesi di vita, perché è consapevole che si tratta del modo migliore per investire sulla salute e su quello di tutta la famiglia. Una dieta basata solo su cibi di origine vegetale, varia e ben bilanciata, è il modo sano di alimentarsi fin dalla tenera infanzia e può tranquillamente essere intrapresa già dallo svezzamento e proseguita per il resto della vita. Tuttavia, le cattive abitudini e la disinformazione fanno sì che spesso dopo i primi tentativi molte madri capitolino e cedano alle pressioni di pediatri, genitori ed esperti vari che profetizzano problemi a non finire nella crescita di un bambino vegetariano. Facendo tesoro della sua esperienza di medico nutrizionista che ha seguito numerose mamme alle prese con l'alimentazione dei figli, l'autrice ha scritto una guida che accanto a informazioni dettagliate sui diversi alimenti sostitutivi dei prodotti animali e indicazioni pratiche su come utilizzarli, contiene oltre 80 ricette, organizzate settimanalmente in modo da soddisfare i gusti e le esigenze nelle diverse fasce di età."

"Tutte le ricette sono concepite per essere facilmente realizzabili, anche grazie a un ricco inserto a colori. Un libro utile, da consultare spesso e che vi farà compagnia per molto tempo"







Autore:Barbero Emanuela, Sagone Antonella
Editore: Sonda (Percorsi di sapori e saperi)


http://www.sonda.it/la-cucina-etica-per-mamma-e-bambino/









Le fiabe dicono più che la verità.
E non solo perché raccontano che i draghi esistono,
ma perché affermano che si possono sconfiggere.

(G. K. Chesterton)
 

Piccini Picciò Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea