giovedì 29 novembre 2012

Natale bianco, Natale nero

Pubblicato da Piccini Picciò a 13:41
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post
"E' arrivato l'inverno e sono tornate le letture animate per i piccoli amici di Angoli di Mondo!
In tema natalizio, leggeremo assieme il racconto "Natale bianco, natale nero", una storia simpatica e divertente per guardare il Natale da...ogni punto di vista!
Vi aspettiamo numerosi nella Bottega del quartiere Arcella, e...non dimenticate di portare anche i bambini!!!"

http://angolidimondo-labacheca.blogspot.it/2011/11/appuntamenti-natale-bianco-natale-nero.html




"Moussa non è di qui. Però riesce a inventare per i suoi nipoti un Natale straordinario, bianco, nero e di tanti altri colori...

E' il primo Natale a Parigi per i nipotini di Moussa. E a loro, che attendono la notte di Natale con grande trepidazione, sorge un dubbio: ma Babbo Natale, poi, sarà bianco o sarà nero?

Ecco tre assaggi, tratti dalle pagine di questo libro meraviglioso:

(...) Moussa è tenace. Moussa è paziente. Moussa non è di qui. Una volta faceva il fabbro in Africa. Oggi raccoglie le pattumiere, ma sa aggiustare tutto. Moussa ha anche un sacco di nipoti di tutte le età. (...)

(...) Durante tutto l'anno Moussa ha raccolto un sacco di roba rotta: vecchie bambole senza capelli, robot senza braccia, scolapasta arrugginiti, ceramiche scheggiate, CD usati, luminarie che non si illuminano più, un mappamondo che ha perso buona parte dell'emisfero sud...Insomma, ogni genere di oggetti che la gente butta via senza pensarci. (...)

(...) E, davanti all'albero: peluche e puzzle, un paio di pattini e delle belle scarpe da pallacanestro, biglie e palloni, libri illustrati e albi da colorare...Ma ci sono anche dei marchingegni straordinari che nessuna altro bambino avrà questa sera: un trenino musicale che riproduce ogni genere di percussione, uno stegosauro confezionato con un ombrello scassato, un teatro con i burattini ricavato da un televisore...Non si erano mai visti regali come questi. (...)"

lunedì 26 novembre 2012

Crostata di cachi

Pubblicato da Piccini Picciò a 14:12
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post

Ingredienti:
4 cachi maturi
1 banana
2 C acqua
1 C zucchero
pasta frolla (300g farina, 150 g zucchero, 150 g burro, 1 uovo e 1 tuorlo)

Preparazione:
Innanzi tutto preparare la pasta frolla, mescolando bene gli ingredienti, formare una palla e lasciarla riposare in frigo.
Intanto tagliare a rotelline la banana. Sciogliere in un pentolino 1 cucchiaio di zucchero in due di acqua a fuoco dolce. Aggiungere la banana e lasciare qualche minuto. Spegnere e lasciarla raffreddare.
Lavare bene i cachi, spelarli e frullarne la polpa.
Stendere la pasta frolla nella tortiera.
Versare prima le fettine di banana e poi la polpa dei cachi.
Infornare a 180° per circa trenta minuti.



Io c'ero

Pubblicato da Piccini Picciò a 12:48
Reazioni: 
0 commenti Link a questo post

"La vita di Gesù raccontata dall’asino Nadir, una lettura dedicati ai più piccini.
Nadir è l’asino presente nella grotta in cui è nato Gesù, lo stesso asino che portò al sicuro in Egitto Maria e il Bambino e la cavalcatura del Messia durante il suo ingresso trionfale a Gerusalemme; il testimone oculare di molte pagine del Vangelo. Questo libretto, pensato per la lettura ad alta voce, ha come protagonista proprio Nadir, che racconta attraverso i suoi occhi pieni di tenerezza e stupore, gli episodi salienti della vita di Gesù dalla nascita alla resurrezione. Le illustrazioni di Angela Marchetti accompagnano il racconto con un tratto allegro e gioioso."

http://www.edizionisanpaolo.it/varie_1/ragazzi/bimbi-e-gesu-/libro/io-c-ero_9951.aspx

"Prepararsi al Natale, è un’occasione di raccoglimento e di riflessione da condividere in famiglia. “Io c’ero” è un libro da leggere ad alta voce, magari dopo cena come un personale calendario dell’Avvento, per ricordare ai nostri figli chi è quel bambino che “nascerà” tra qualche settimana. Il Vangelo visto da Nadir diventa una storia fatta di tenerezza, messaggio che si amplifica nelle illustrazioni di Angela Marchetti."

[Padre Stefano Gorla, religioso barnabita, è direttore del settimanale «il Giornalino» e del mensile «GBaby». Dopo gli studi teologici ed il conseguimento di un Master in Comunicazioni Sociali allo SPICS di Roma, ha alternato l’attività di pubblicista e saggista a quella di organizzatore culturale. Esperto di fumetto, cinema d’animazione, critica dei media e linguaggi giovanili, ha scritto su testate d’informazione e approfondimento come «Famiglia Cristiana», «Letture», «Itinerari mediali», «Rivista del Clero» e su testate specializzate quali «Fumo di China», «Annuario del Fumetto» e «IF».

Angela Marchetti è appassionata di disegno e colori fin da piccola. Dopo gli studi artistici a Firenze e a Siena, dove è nata, si trasferisce a Monza, lavorando come grafica e designer. Approda definitivamente all’illustrazione frequentando i corsi della Scuola Internazionale d’Illustrazione per l’Infanzia di Sarmede con Jozef Wilkon, Linda Wolfsgruber, Annalaura Cantone. Partecipa a numerosi concorsi d’illustrazione ottenendo la selezione dell’opera. Alterna l’uso del digitale alle tecniche manuali con le quali preferisce esprimersi. Dall’osservazione dei suoi amici animali trae continua ispirazione per i suoi personaggi. Ha pubblicato per la Rba Italia e la Grüner+Mondadori. Per le Edizioni San Paolo ha illustrato La preghiera (2012) di Enzo Bianchi, C’era una volta un albero di gelso (2012) di Anne B. Brodzinsky e Io c’ero. Un asino racconta Gesù (2012).]

Autore: Stefano Gorla
Illustrazioni: Angela Marchetti
Casa editrice: San Paolo
Anno: 2012
Età: dai 3 anni





Le fiabe dicono più che la verità.
E non solo perché raccontano che i draghi esistono,
ma perché affermano che si possono sconfiggere.

(G. K. Chesterton)
 

Piccini Picciò Template by Ipietoon Blogger Template | Gift Idea